Militari che lasciano la caserma per far posto a quelli di strade Sicure

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Milano, 10 Febbraio 2016 – E’ approdato in prefettura il piano di cessione delle aree militari e stanno per esser fissati i tempi certi del trasferimento della Polizia di Stato alla Caserma Montello di via Caracciolo. I Militari che attualmente occupano la Caserma Montello, dovrebbero essere trasferiti nella Caserma Santa Barbara, sede delle Voloire. A causa di questo trasferimento, nonostante la Caserma Santa Barbara possa tranquillamente ospitare i tre Reggimenti (basti pensare che sono passati oltre 2.000 soldati per Expo), le Voloire dovrebbero lasciare la loro sede per spostarsi nella caserma Scalise di Vercelli. Come se questo già non bastasse, l’ennesima ulteriore beffa per i milanesi è dietro l’angolo: il Viminale ha dato il via libera al potenziamento dell’Operazione strade Sicure, prevedendo l’impiego di un contingente di Militari per la vigilanza su siti sensibili nelle principali città di cui fa parte anche Milano, che passerà da 3.000 a 4.800 soldati. Quindi, per riassumere, è stato disposto che la sorveglianza per la sicurezza di Milano venga incrementata, mentre i generali dei palazzi romani rispondono sottraendo alla città l’ultimo Reggimento Operativo di pronto impiego in caso di calamità e catastrofi, per poi farlo rimpiazzare da reparti che vengono da altre regioni d’Italia a costi quadruplicati. Ad ulteriore presa in giro, saranno 600 invece i militari che avranno il compito di sorvegliare un’area che le Voloire conoscono benissimo e della quale si sono occupati per molto tempo: Expo. Questa era una delle misure previste dal decreto antiterrorismo approvato una settimana fa dal Consiglio dei Ministri. Nel frattempo, il Reggimento Artiglieria a Cavallo “Voloire”, rimane nel limbo, privato di qualsiasi attività operativa invece di venire impiegato nell’Operazione Strade Sicure della città nella quale è ormai perfettamente inserito e che lo ospita da oltre 120 anni. L’escalation in Libia che preoccupa fortemente forze di polizia e servizi, i flussi migratori sempre più difficili da gestire, la propaganda dell’Isis continua che minaccia l’Italia e l’attenzione al massimo livello sull’allarme terrorismo, non sono motivi sufficienti per mantenere le Voloire a Milano e garantire così la massima sicurezza dei cittadini sul territorio a costi limitati? Perché non si affida la sicurezza di Expo al reparto che l’ha garantita per 6 mesi sul piano internazionale con straordinari risultati visibili agli occhi del mondo intero? Chi ha interessi nello spostare le Voloire e a chi daremo la colpa se accadrà qualcosa a Milano ed ai suoi cittadini?

FONTE

Condivisione

2 comments on “Militari che lasciano la caserma per far posto a quelli di strade Sicure

  1. Krokko81

    Buona sera, ho letto e riletto l’articolo diverse volte e mi sento in dovere di darvi la seguente informazione:
    Il gloriosissimo Reggimento Artiglieria a Cavallo non è il solo Reparto nella città di Milano, quindi, di conseguenza non è il solo Reggimento impiegato in pubbliche calamità, Strade Sicure, Expo e anche servizi di vigilanza in altre strutture militari in Milano.
    L’altro Reparto che condivide la Caserma Santa Barbara è il 1° Reggimento Trasmissioni inquadrato nell’ambito della Brigata di Supporto al Corpo D’Armata NRDC-ITA.
    personalmente capisco le preoccupazioni che ha il personale delle Valoire sul loro futuro sià operativo che logistico, perchè la situazione di “limbo” non è piacevole, ma è giusto DARE A CESARE CIO’ CHE E’ DI CESARE. Ovviamente la decisione sulla dislogazione è presa dalle SS.AA.
    Vi consiglio di rendere noto “la fonte” delle informazioni di essere più preciso e di evitare di dire delle inesattezze.
    In ogni modo sono certo che saprà rettificare quanto prima e mi fa piacere di averl portato alla vostra cortese attenzione il fatto che il 1° Reggimento Trasmissioni è una realtà per la città di Milano, così come la città lo è per tutti i trasmettitori del Reparto di cui sopra. Grazie e buon lavoro

Lascia un commento