Tutti gli articoli

Verona, “appalti truccati per 1,3 miliardi nel settore energia”. Sette arresti

Al centro dell’indagine il consorzio Cev di Verona, diretto dall’imprenditore veronese Gaetano Zoccatelli. Secondo le accuse, il Cev sarebbe stato una “scatola vuota” senza una struttura propria, senza personale, senza nemmeno un numero di telefono e avrebbe coinciso quasi “perfettamente” con il gruppo imprenditoriale facente capo a Zoccatelli stesso.

Appalti truccati per 1,3 miliardi di euro nelle forniture di gas ed elettricità agli enti pubblici. Una “perfetta identità” tra ilConsorzio Energia Veneto, che agiva come stazione appaltante nelle gare per la fornitura di energia a più di 1000 comuni veneti, e le imprese che vincevano gli appalti. La Guardia di finanza diVerona, coordinata dal pm Gennaro Ottaviano, ha eseguito 7 misure di custodia cautelare nei confronti di imprenditori e professionisti veronesi accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla turbativa d’asta e falso ideologico in atti pubblici. Al centro dell’indagine il consorzio Cev di Verona, diretto dall’imprenditore veronese Gaetano Zoccatelli, soggetto aggregatore cui sono consorziati numerosi enti pubblici veneti e che agisce come player sul mercato che dovrebbe recuperare energia e gas a prezzo vantaggioso per i piccoli comuni e per altri enti pubblici e privati.

Leggi l’articolo completo QUI

Condivisione

Lascia un commento