Tutti gli articoli

Uranio impoverito, vedova militare Liguori: “Lo Stato non ci abbandoni”

Enzo Liguori, sergente maggiore capo dell’esercito italiano, è morto a soli 42 anni per un adenocarcinoma polmonare. Era il 4 novembre del 2015 e quel giorno, tragico scherzo del destino, si festeggiava la festa delle forze armate.

Sì, perché anche Enzo sembrerebbe essere un’altra delle numerose persone decedute a causa dell’esposizione all’uranio impoverito. Vittima inconsapevole di un nemico subdolo e all’apparenza innocuo.

A raccontarci la sua storia, molto simile a quella delle altre vittime, è la moglie

Mercedes Pacileo vive a Napoli insieme ai suoi tre figli di 13, 9 e 7 anniSola e senza un lavoro (quello da insegnante l’ha dovuto lasciare per accudire il marito durante la malattia) vive in una costante precarietà esistenziale.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento