Tutti gli articoli

Uranio Impoverito,On. Diego Zardini: mettiamo la parola fine ad una pagina triste della storia del nostro paese .

La dichiarazione di Diego Zardini, deputato del PD e componente della commissione Ambiente.

“A margine della odierna seduta della Commissione parlamentare di inchiesta sulle malattie da uranio impoverito ho sollecitato un intervento per risolvere il problema della pensione della signora Stefania Sommella, moglie del sottufficiale Gianluca Danise”, così in una nota Diego Zardini dal Partito Democratico e componente della commissione Ambiente.

“Il presidente della commissione Gian Piero Scanu ha immediatamente chiamato la signora per esprimere la solidarietà di tutta la Commissione impegnandosi per dare il massimo sostegno alla soluzione della pratica burocratica sulla reversibilità della pensione del marito scomparso” anticipa il parlamentare.
“La Commissione peraltro si è messa subito al lavoro: ha approvato le linee programmatiche e la lista dei consulenti decisi assieme tra maggioranza e minoranza col solo obiettivo di lavorare di concerto ed ottenere finalmente verità e giustizia” assicura l’esponente dem, concludendo: “In memoria di chi purtroppo non c’è più e perché non accada mai più. Intendiamo questa Commissione come l’ultima, quella che metterà la parola fine ad una pagina triste della storia del nostro paese”.
L’On. Scanu invece esprime piena solidarietà a Stefania Sommella e agli altri parenti delle vittime. “L’attività d’inchiesta verrà svolta con assoluto rigore e oggettività e, come abbiamo già dichiarato, sarà conclusa entro il 30 giugno”.In quella data, aggiunge Scanu, “proporremo al Parlamento e al governo i provvedimenti di legge per eliminare alla radice il problema”. Da qui l’auspicio che la nuova commissione possa essere l’ultima sull’uranio impoverito. Tra gli impegni presi da Scanu, anche quello di “svolgere ogni possibile sollecitazione nei confronti delle amministrazioni competenti al fine di non rendere ancora più doloroso ciò che, di per sé, è già tragico”.

Condivisione

Lascia un commento