Uccise marito maresciallo a fucilate Pena quasi raddoppiata in appello

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting





La vicenda risale all’ottobre 2016. Vittima un Maresciallo dell’ Aeronautica da qualche anno in quiescenza, ucciso dalla moglie con un colpo di fucile.

Dino Gori, 64enne , morì sul colpo nell’ abitazione di Lonnano, di proprietà della moglie. Lei,  Paola Marzenta, fu condannata a 8 anni di carcere, ma lo scorso 24 ottobre la Corte d’Appello di Firenze  ha quasi raddoppiato  la condanna portandola da 8  a 14 anni di reclusione.

La donna infatti venne condannata in primo grado  a soli 8 anni , malgrado l’accusa del „pm Andrea Claudiani“  ne avesse chiesti 14,ma Il giudice  accolse parte delle attenuanti richieste dalla difesa e la pena fu molto mite. Continua 



In appello la tesi difensiva si è basata su  fatti che i giudici fiorentini evidentemente non hanno ritenuto validi, come lo schiaffo , datole dal marito poco prima dello sparo, o il fatto che pensasse che il fucile fosse scarico, oltre alla perizia che attesta la parziale semi infermità mentale della donna.

.Il Maresciallo in pensione fu ucciso con un colpo a pallini calibro 12 di un fucile da caccia,  mentre era seduto e stava mangiando castagne . Il successivo 27 ottobre 2016 ci sarebbe stata  l’udienza per il divorzio e le loro vite molto probabilmente si sarebbero  separate.



loading…


Condivisione

Lascia un commento