Tutti gli articoli

Uccise albanese trafficante di droga in fuga, Poliziotto condannato a dieci mesi

E’ durato 4 anni il processo per il poliziotto.Erano sulle tracce di un carico di droga quella notte lui e i suoi colleghi, ma i trafficanti non si fermarono all’alt.

di CRISTINA RUFINI

Grosseto, 1 aprile 2016 –  DOPO QUASI quattro anni si è chiuso il primo grado della vicenda giudiziaria che ha ruotato attorno alla morte di Arito Canaj, l’albanese di 26 anni deceduto nel corso della sparatoria lungo la Siena-Grosseto, nella notte tra il 20 e il 21 giugno del 2012. Ieri, davanti al giudice dell’udienza preliminare Valeria Montesarchio, Raffaele Bracale, poliziotto in servizio alla questura di Grosseto, è stato condannato a dieci mesi di reclusione per omicidio colposo.

E’ stato giudicato con rito abbreviato, come chiesto dal suo legale, l’avvocato Marco Festelli. Mentre i parenti di Canaj, compreso il figlio che lui non ha mai conosciuto, sono stati assistiti dall’avvocato Carlo Manti. Una vicenda tristissima. Un’inchiesta che si è aperta prima con un solo indagato, il poliziotto che alla fine è stato condannato e poi estesa nel corso degli accertamenti ad altri tre colleghi della Mobile. Posizioni queste per cui però il pubblico ministero che ha coordinato l’inchiesta, Salvatore Ferraro, ha chiesto l’archiviazione.

Leggi il resto dell’articolo QUI

Condivisione

Lascia un commento