Trenta: suicidi militari sono legati a esperienze di disagio personale e familiare

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Importante conferenza a Roma nella quarta Giornata epidemiologica della Difesa.



Nella giornata di oggi,si è tenuta a Roma  la 4^ giornata epidemiologica della Difesa. L’osservatorio epidemiologico è un’ articolazione di SMD-Ispettorato della Sanità Militare che ha il compito di raccogliere, analizzare, valutare e diffondere tutti i dati statistici relativi alla morbosità e mortalità del personale militare e civile del Ministero della Difesa.

Durante la conferenza, tenuta da relatori militari e civili, ha fatto il suo intervento anche il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta che ha voluto partecipare il proprio pensiero in merito ai suicidi dei militari avvenuti nel 2018.



Secondo il Ministro della Difesa i suicidi dei soldati sono legati a esperienze di disagio personale e familiare, ma non per questo devono trovare una giustificazione tramite delle statistiche.

«Ho chiesto un impegno forte per la prevenzione del fenomeno suicidario ha dichiarato il Ministro della Difesa. So bene che molti suicidi (perché chiamarli atti di autolesionismo?) sono legati a esperienze di disagio personale e familiare, ma non è una scusante dire che “i suicidi nelle forze armate sono nella media”».   «Un’organizzazione, in cui l’uso delle armi fa parte della normale operatività , ha continuato la Trenta,  deve essere più responsabile e più capace di cogliere quei segnali di allarme, qualora ci siano, che potrebbero aiutarci a prevenire un fenomeno che, nel 2018, risulta anche in aumento». «Attendo di ricevere su questo tema  dalla apposita Commissione , gli approfondimenti richiesti».ha concluso il Ministro



loading…


loading…


Condivisione

Lascia un commento