Terremoto: militari preparati a drammi ma non invulnerabili

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Amatrice – I militari sono gente forte e preparata ad affrontare situazioni drammatiche ma sono sempre uomini che di fronte alle tragedie possono rimanere ‘feriti’ nell’animo e tanti tra coloro che sono impegnati ad Amatrice nelle operazioni di soccorso dopo il terremoto, accusano dei traumi analoghi a quelli registrati nelle missioni in teatri di guerra.

E’ quanto racconta all’Agi il tenente dell’Esercito Italiano, Rosalba Vergini, psicologa e terapeuta con esperienze sui disturbi post traumatici da stress dei militari italiani impegnati nelle operazioni di “peace keeping” in Libano ed Afghanistan.La psicoterapeuta, nativa di Spello (Perugia), per sua sfortuna, conosce bene anche i terremoti visto che la sua Umbria ne e’ stata vittima.

Quei silenzi pieni di angoscia

“Noi – spiega – siamo impegnati nell’assistenza psicologica di emergenza al personale militare impegnato nei soccorsi con lo scopo di prevenire distrurbi post traumatici da stress. Nell’immediato cerchiamo di capire e prevenire lo sviluppo di traumi psicologici fornendo un supporto ad elaborare la situazione. In altre parole, cerchiamo di evitare che traumi come, per esempio, il senso di colpa per non essere riusciti a salvare una vita, o delle situazioni con dei collegamenti a vecchi traumi vissuti in passato si sviluppi in disturbi da stress pot traumatico.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento