STRAGE DI USTICA – l’ex pilota di C130 Mario Ciancarella vince la sua battaglia

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Pubblichiamo l’articolo comparso sulla Gazzetta di Lucca, pur sottolineando che nel testo non compare alcun riferimento alla “sentenza” in favore dell’ex pilota congedato per insubordinazione.

Mario Ciancarella, 65 anni, ex pilota di C130 di stanza a Pisa, cacciato per insubordinazione nel 1983, aveva ragione. Il decreto di espulsione, di cui mai è stato trovato l’originale, recava la firma dell’ex presidente della Repubblica, allora in carica, Sandro Pertini, peccato che fosse stata falsificata. Ciancarella, che aveva presentato ricorso e denunciato l’Aeronautica Militare, aveva presentato una perizia calligrafica che dimostrava come la firma apposta sulla copia che gli era stata trasmessa era, visibilmente, fasulla. Il giudice del tribunale civile di Firenze, alla fine, aveva nominato un consulente per effettuare la stessa analisi e il risultato, ecco la notizia clamorosa, è che aveva ragione Ciancarella. Il decreto di espulsione recava una firma artatamente apposta.

La rivelazione ha del clamoroso, tenuto anche presente che la battaglia giudiziaria portata avanti da Ciancarella va avanti da decenni e che quest’uomo ha dovuto patirne di cotte e di crude. Il rischio, concreto, per l’Aeronautica Militare e per lo Stato italiano, è di dover rifondere i danni all’ex ufficiale pagandogli dal 1983 ad oggi tutto quello che gli sarebbe spettato e non ha mai avuto oltre alla quantificazione dei danni morali e materiali patiti che non sono, assolutamente, indifferenti.

fonte e articolo completo:http://www.lagazzettadilucca.it/cronaca/2016/01/ciancarella-aveva-ragione-era-falsa-la-firma-di-sandro-pertini-sul-suo-decreto-di-espulsione-dall-aeronautica-militare/

Ma chi è Cianciarella?Mario Ciancarella era un capitano dell’ Aeronautica in servizio alla base di Pisa fino al 1980.

Fu contattato subito dopo i fatti di ustica dal Maresciallo De’ttori, in servizio il giorno della strage.De’ttori lo chiamò e gli disse : “Comandante, siamo stati noi a tirarlo giu’ . Siamo stati noi”. “E’ una cosa terribile…”. Il Capitano Mario Ciancarella fu  imputato di insubordinazione perche’ tra i fondatori del movimento dei militari democratici, processato ed espulso dall’ Arma azzurra. Il Maresciallo De’ttori invece fu trovato impiccato a un albero il 30 marzo 1987. Tratto da: http://archiviostorico.corriere.it/1992/aprile/17/siamo_stati_noi_tirarlo_giu_co_0_9204174303.shtml

 

Condivisione

Lascia un commento