Tutti gli articoli

Stipendi statali, la classifica:dirigenti Forze Armate quelli meno pagati

Le Forze Armate sono sopra soltano a Regioni e Autonomie locali,Servizio sanitario e scuola…

ROMA – Stipendi statali, la classifica: dirigenti Fisco in cima, bidelli in coda. Nella Pubblica Amministrazione tra lo stipendio più alto e quello più basso ci sono quasi 200 mila euro di mezzo. Questo lo ‘spread’, se così si può dire, che intercorre tra la retribuzione dei dirigenti di prima fascia delle Agenzie fiscali, pari in media a 220mila euro annui, e quella del personale Ata della scuola, in cui rientrano i collaboratori, una volta chiamati ‘bidelli’, sotto i 22mila.

Le cifre compaiono nelle tabelle dell’Aran (leggi qui), la faccia del Governo nelle questioni che investono il pubblico impiego. L’aggiornamento, pubblicato online in base a dati della Ragioneria dello Stato, non va oltre il 2014. Ma da allora non dovrebbe essere cambiato molto, visto che la contrattazione è rimasta bloccata. Posto che anche gli statali hanno potuto beneficiare del bonus 80 euro. Il congelamento della contrattazione dura da sette anni ma a breve potrebbe vedere la fine.

Di seguito la classifica con la retribuzione annua lorda nel 2014 (a scalare, i dirigenti più pagati), fonte Aran.

Agenzie fiscali. Dirigenti: 220.004 €. Dirigenti II fascia: 111.453 €. Personale: 35.894 €.

Enti non economici. Dirigenti: 216.889 €. Dirigenti II fascia: 127.606 €.

Ministeri. Dirigenti: 178.301 €. Dirigenti II fascia: 83.553 €. Personale: 28.169 €.

Enti di ricerca. Dirigenti: 170.662 €. Dirigenti II fascia: 95.894 €. Personale: 36.081 €.

Pres. Consiglio dei Ministri. Dirigenti: 168.256 €. Dirigenti II fascia: 93.360 €. Personale: 49.242 €.

Autorità indipendenti. Dirigenti: 159.445 €. Impiegati: 73.809 €.

Vigili del Fuoco. Dirigenti: 103.695 €. Personale: 31.056 €.

Corpi di Polizia. Dirigenti: 101.736 €. Personale: 38.023 €.

Forze armate. Dirigenti: 95.648 €.

Regioni e Autonomie locali. Dirigenti: 93.441 €. Personale: 27.924 €.

Servizio sanitario. Dirigenti: 72.945 €. Personale: 30.070 €.

Scuola. Dirigenti: 62.890 €. Insegnanti: 30.699 €. Personale Ata: 21.991 €.

In alto nella piramide si ritrovano quindi i dirigenti di prima fascia delle agenzie, come le Entrate o il Demanio, seguiti dai colleghi degli enti pubblici non economici, come Inps o Inail, (217mila euro) e dei ministeri (178mila). Tra la classe dirigenziale i meno pagati risultano i presidi della scuola (63mila). Ovviamente la retribuzione rispecchia anche le responsabilità. C’è da ricordare inoltre che il comparto del fisco è stato oggetto di Spending Review e per 62 alti dirigenti ci sono oltre 52mila impiegati.

In generale i dirigenti di prima fascia nello Stato sono circa 500, su 3,2 milioni di dipendenti. I divari retributivi poi non mancano neppure nel privato. Detto ciò nella P.a. lo stipendio più alto è dieci volte quello più basso. Guardando alla base della piramide, sopra al personale Ata, ci sono gli impiegati di ministeri, Regioni e Comuni (tutti intorno ai 28mila euro). Appena uno scalino più in alto il personale della sanità e i prof della scuola (si viaggia sopra i 30mila). Non si allontanano dalla cifra i vigili del fuoco (31mila euro). Le forze armate superano di qualcosa i 37mila.

Vai al resto dell’articolo, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento