Tutti gli articoli

Sottufficiale della Marina perseguita la moglie e finisce alla sbarra

Dai pedinamenti agli Sms provocatori in cui l’ex marito invitava a fare sesso anche con i suoi amici, dagli insulti alle microcamere piazzate in bagno e al registratore appiccicato sotto un comodino per sorprendere la moglie con un fantomatico amante.
Sarebbe stata una vera e propria persecuzione dettata dalla gelosia quella che, secondo quanto ha raccontato ieri la stessa parte offesa al processo ad Ancona, dovette subire una quarantunenne residente nel capoluogo.

Leggi l’articolo completo QUI

Condivisione

Lascia un commento