Società fantasma per incassare i contributi, in aula maresciallo della Finanza

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Abbiamo eseguito una perquisizione nell’abitazione dell’imprenditore Sergio Pantalena trovando montagne di fatture false e diversi faldoni contenenti documentazione di una società in cui Pantalena non avrebbe avuto in teoria alcun ruolo”. Con la deposizione del luogotenente della Guardia di Finanza Antonio Balzano arriva al giro di boa il processo che ipotizza l’esistenza di una associazione a delinquere finalizzata a truffare la Comunità Europea.

 Il sottufficiale delle Fiamme Gialle ha risposto alle domande del pm Andrea Maggioni e all’avvocato Salvatore Pennica, difensore di Pantalena, principale imputato accusato di avere messo in piedi delle società fantasma con l’obiettivo di ottenere consistenti finanziamenti pubblici. La prescrizione ha spazzato via molte delle accuse a carico degli indagati che in un primo momento erano quindici. I fatti contestati vanno dal 2004 al 2008. Gli imputati avrebbero costituito due società “fantasma” (la Omniagestioni e la Pantur) la cui attività risultava grazie alla falsificazione di documenti e fatture.
fonte:
Condivisione

Lascia un commento