Tutti gli articoli

SIULP, riforma Madia, Governo ascolti Capo Polizia

Agenpress.  Il processo riformatore della Legge Madia, voluto dal Governo per semplificare la burocrazia accorciando tempi di attesa dei cittadini e migliorare l’efficienza della P.A., non può trovare idonea attuazione se non nel rispetto dei principi e dei valori della L.121/81, che prevede la centralità dell’Autorità di P.S. e gli attribuisce il coordinamento di tutte le Forze di polizia per l’attuazione di un’azione efficace ed efficiente nel rispetto della sicurezza e la libertà come si conviene ad ogni democrazia moderna ed avanzata, e diritti costituzionali sanciti dalla nostra carta costituzionale così come affermato dal Capo della Polizia – Direttore Generale della P.S. Prefetto Franco Gabrielli in occasione della cerimonia di conclusione del corso dirigenziale interforze.

Questo richiamo, suffragato dalle norme ma anche dall’esperienza di chi è consapevole che per garantire la sicurezza ai cittadini di un paese democratico è necessario farlo nel rispetto della libertà e delle garanzie costituzionali, pone l’accento su quanto da tempo denuncia il SIULP relativamente alla volontà di ridurre le Forze di polizia da 5 a 4 prevedendo, a tal proposito l’assorbimento della Forestale nell’Arma dei Carabinieri.

Lo afferma Felice ROMANO, Segretario Generale del SIULP nel commentare quanto affermato dal Prefetto Gabrielli circa l’assorbimento della Forestale nell’Arma.

Leggi l’articolo completo QUI

Condivisione

Lascia un commento