SIRIA, ARRIVANO GLI F-15C: GLI USA INVIANO CACCIA PURI, IL LORO OBIETTIVO SONO GLI INTERCETTORI RUSSI

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Il Pentagono sta rischierando in Turchia decine di F-15C, ufficialmente per combattere la guerra contro lo Stato islamico. Il problema è che proprio l’Isis, non possiede alcun velivolo: ciò significa che il vero avversario sarà la Russia. Appare evidente che il ruolo dei caccia americani, armati esclusivamente con missili aria-aria, sarà quello di scortare gli altri aerei impegnati nei raid in Siria.

Proprio in queste ore, nella base turca di Incirlik sta avvenendo il rischieramento dei caccia, ufficialmente per “garantire la sicurezza degli alleati della NATO”. Gli F-15, armati con otto missili aria-aria a diverso raggio (ma il dogfight non era ritenuto obsoleto?) potenzieranno il confine turco-siriano, intercettando i velivoli di Damasco che, periodicamente, sconfinano in territorio di Ankara. Ma è assolutamente improbabile che una forza aerea del genere sia stata rischierata soltanto per intercettare i malconci velivoli siriani. Gli F-15, quasi certamente, avranno il compito di scortare i bombardieri impegnati contro l’Isis in prossimità delle forze del regime siriano e degli aerei da guerra russi.

Gli F-15 dell’Air Force in Turchia saranno i primi “dogfighters” puri che gli USA avranno nella Regione. Il Pentagono ha rischierato svariate piattaforme come F-22, F-16, A-10 e B-1: questi trasportano anche bombe e missili aria-terra. Gli F-15, invece, trasportano soltanto armi per il combattimento aria-aria. Da rilevare che gli F-15C non sono mai stati schierati in Afghanistan, né in Iraq. La guerra in Siria è diversa.

FONTE:

http://www.difesaonline.it/mondo-militare/siria-arrivano-gli-f-15c-gli-usa-inviano-caccia-puri-il-loro-obiettivo-sono-gli

Condivisione

Lascia un commento