Tutti gli articoli

Sigonella, fallita trattativa con l’ex impiegato «Pignorerò tutto: dai gioielli agli impianti hi-fi»

Se il tribunale ha stabilito un decreto ingiuntivo per la base militare di circa 600mila euro, a fronte dei 16 anni di ingiusta disoccupazione, l’ambasciata Usa ne avrebbe offerti molti meno della metà. È l’epilogo della storia di Carmelo Cocuzza, il vetrinista licenziato ingiustamente che, adesso, torna a minacciare pignoramenti

«Una conclusione paurosa». Carmelo Cocuzza, il vetrinista licenziato ingiustamente dalla base americana di Sigonella 16 anni fa, commenta così la riunione di questa mattina con i vertici dell’installazione militare statunitense. Un appuntamento che sarebbe dovuto servire per trovare una mediazione rispetto a una questione, quella del licenziamento del 50enne, che i tribunali italiani hanno esaminato per quasi un ventennio. L’innocenza dell’impiegato, accusato di aver falsificato le timbrature del tesserino d’ingresso, è stata dimostrata in tre gradi di giudizio. E lui la scorsa settimana si è presentato davanti ai cancelli di Sigonella con l’avvocato e l’ufficiale giudiziario, pronto a un pignoramento all’interno della base.

Davanti alla minaccia di un’azione di questo genere, la reazione dell’ambasciata Usa era stata una convocazione per Cocuzza. Che questa mattina è stato ricevuto, tra gli altri, anche dal capo dell’ufficio deldipartimento di Giustizia statunitense che si occupa della gestione del personale italiano nelle basi in Europa.

Leggi l’articolo completo QUI

Condivisione

Lascia un commento