Tutti gli articoli

Latorre: legge speciale per gli investimenti dell’Esercito.

C’è bisogno di una norma speciale, simile alla Legge navale, che consenta a politica ed Esercito di programmare gli investimenti d’arma, senza essere ostaggi delle temperie del momento. Nasce con questo obiettivo uno dei progetti a cui lavora il senatore democratico Nicola Latorre, presidente della Commissione Difesa di Palazzo Madama.

LA STABILITÀ CHE MANCA

“Non è possibile – spiega Latorre a Formiche.net – che l’Esercito debba ogni anno rivedere e vagliare alcuni aspetti dei suoi investimenti. Questo non crea la necessaria stabilità e non ci consente di definire, come Paese, obiettivi a lungo termine. Da qui la necessità di una legge speciale che eviti di tenere l’Esercito sotto la spada di Damocle di politiche di bilancio che poi devono di volta in volta essere adeguate alle esigenze del momento, ma che al contrario garantisca fondi certi e una programmazione pluriennale per la necessaria evoluzione tecnologica e di mezzi della nostra Forza armata più grande”.
La sollecitazione a una soluzione di questo tipo giunse – come ha raccontato Stefano Vespa su Formiche.net – da un convegno sul futuro dell’Esercito tenuto al Centro studi internazionali lo scorso 12 gennaio. Spunto che il presidente della Commissione Difesa del Senato ha raccolto e che potrebbe portare a nuovi sviluppi.

IL CONTESTO

Dopo il rinnovamento del nostro strumento militare nel settore aeronautico e in quello navale – protagonista di una legge apposita simile a quella immaginata dal senatore dem – oggi si medita dunque la stessa attenzione nei confronti delle forze terrestri, fondamentali negli attuali scenari di crisi: da quella in Siria e Iraq alla vicina Libia.

Leggi l’articolo completo QUI

Condivisione

Lascia un commento