Tutti gli articoli

Scontro per un sorpasso, grave un militare

Grave incidente stradale ieri mattina a Rodigo. Erano circa le 7.40 quando due auto si sono scontrate frontalmente all’altezza del civico 14 di via Fornasotto nella frazione di Fossato. Si tratta di una Renault Megane condotta da un uomo residente a Borgo Virgilio e di una Fiat Panda con al volante un giovane di Rivalta. La dinamica dello schianto è ancora al vaglio dei carabinieri della stazione di Gazoldo degli Ippoliti intervenuti sul posto per i rilievi insieme a due ambulanze e ai vigili del fuoco di Mantova. A quanto pare, all’origine dell’incidente ci sarebbe un sorpasso azzardato. Tutto è accaduto ieri mattina. Lo scontro tra le due auto è stato violentissimo. Sul posto sono accorse due ambulanze della Croce Verde e l’automedica. Momenti di grande apprensione per uno dei due automobilisti, un militare in servizio alla caserma del IV Missili. Pietro Marongiu, che abita a Carpenedolo in provincia di Brescia stava raggiungendo la caserma. Per causa ancora in corso d’accertamento da parte dei carabinieri di Gazoldo degli Ippoliti, il militare si è scontrato con un’auto proveniente dalla direzione opposta. Uno scontro particolarmente violento a seguito del quale l’auto sulla quale il giovane viaggiava è stata scagliata nel fosso.

Le sue condizioni in un primo momento erano apparse molto gravi. Trasportato all’ospedale Carlo Poma di Mantova è stato sottoposto a una lunga serie di esami che hanno evidenziato fratture e lesioni in diverse parti del corpo. Con il passare delle ore l’emergenza è rientrata. Il giovane militare non è più in pericolo di vita, ma la sua prognosi resta riservata. Nel frattempo i carabinieri sono ancora al lavoro per accertare con esattezza la dinamica dell’incidente che avrebbe potuto avere conseguenze molto più serie. La strada è rimasta bloccata per un paio d’ore al fine di consentire i soccorsi e la messa in sicurezza dei mezzi.

Lesioni non gravi invece per il secondo ferito dell’incidente che in serata è stato dimesso.

FONTE

Condivisione

Lascia un commento