Tutti gli articoli

Salvo 68enne grazie alla camera iperbarica della Marina Militare

Il 6 febbraio scorso, in mattinata, il Servizio di Medicina Iperbarica del Centro Ospedaliero Militare di Taranto (C.O.M. Taranto) è stato attivato, secondo le procedure consolidate ormai da tempo, dalla Struttura Complessa dell’ospedale Civile ”SS. Annunziata” di Taranto per effettuare un trattamento OTI di urgenza a favore di un paziente di anni 68 anni.
L’intervento è stato effettuato dal personale sanitario del “Servizio di Medicina Iperbarica” del Centro Ospedaliero Militare di Taranto in concorso e collaborazione con il medico civile della ASL di Taranto.
Al termine del trattamento il paziente è stato avviato presso il “SS. Annunziata” per il prosieguo delle cure, con l’indicazione di effettuare ulteriori sedute OTI seguendo le indicazioni cliniche indicate per la patologia.
La camera iperbarica dell’Ospedale Militare di Taranto è l’unica operante nel territorio della ASL ionica e possiede caratteristiche innovative che la rendono tecnicamente tra le più avanzate nel sud Italia. I trattamenti vengono effettuati a favore della popolazione civile per numerose patologie (es. intossicazioni da monossido di carbonio, incidenti subacquei, ulcere, gangrene, sordità improvvisa e problematiche ortopediche ed otorinolaringoiatriche di varia natura), grazie alla collaborazione tra il gruppo di medici iperbarici della ASL TA, specialisti in Anestesia e Rianimazione ed il personale sanitario, subacqueo e tecnico del Servizio di Medicina Iperbarica del Centro Ospedaliero Militare di Taranto.

FONTE

Condivisione

Lascia un commento