Tutti gli articoli

“Rotto il motore dell’auto”. Carabinieri condannati a pagare

Come racconta Il Gazzettino, i due sono stati condannati prima in sede penale militare e ora dalla Corte dei conti di Trieste, che ha presentato loro il conto. 5.706 euro più rivalutazione monetaria e spese.

Motivo? Secondo l’accusa i due avrebbero rotto il motore dell’auto di servizio volontariamente scalando il cambio a marce troppo basse per il numero di giri di quel momento. Entrando più nel dettaglio, in base all’impostazione d’accusa, “l’autista (senza che il capomacchina intervenisse a reprimere tale condotta) avrebbe agito più volte determinando in questo modo danni importanti su una vettura che le risultanze processuali certificano come perfettamente funzionante”.

Leggi il resto dell’articolo QUI

Condivisione

Lascia un commento