Tutti gli articoli

Riordino delle carriere approvato dal Consiglio dei Ministri con altre novità

Il Riordino delle Carriere ha superato l’ultimo step, ora manca soltanto la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. Invero il Riordino avrebbe dovuto approdare al C.D.M. soltanto il prossimo 29 maggio, ma evidentemente c’è stata la volontà di accelerare il provvedimento.

Il riordino dovrebbe essere rimasto invariato. Non sarebbe stata accettata alcuna proposta “di rilievo”  delle rappresentanze sindacali.

Tratto dal ilsole24ore

Ok alla riforma dei ruoli e delle carriere delle forze armate e a norme più severe contro il riciclaggio. Sono alcune delle misure varate oggi dal consiglio dei ministri, che ha dato l’ok anche alla nuova carta di circolazione unica per auto e moto: dal 1 luglio 2018 in arrivo un nuovo documento sostitutivo di quelli attuali, in linea con quanto accade già nell’Ue.

Normativa antiriclaggio
Il decreto approvato in via definitiva dal governo recepisce la direttiva Ue 2015/849, che ha introdotto disposizioni per ad ottimizzare in tutti gli Stati membri l’utilizzo degli strumenti di lotta contro il riciclaggio dei proventi di attività criminose e il finanziamento del terrorismo.

Viene ampliata la platea dei soggetti qualificati come ‘persone politicamente esposte’ nei confronti delle quali devono essere effettuati controlli più approfonditi: oltre alle alte cariche dello Stato, ai ministri e parlamentari, ai vertici della magistratura, agli assessori e consiglieri regionali, ai parlamentari europei e ai direttori generale delle Asl e delle aziende ospedaliere, rientrano nella nozione anche i sindaci dei comuni con popolazione non inferiore a 15mila abitanti e i vertici delle società da questi partecipate.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento