Quando la guerra uccide anche senza combattere

loading…



NSM è anche su TELEGRAM . Per saperne di più,  clicca QUI

Stralcio di articolo tratto dal Blog di  Marco Cerniglia che potrete leggere integralmente nel link in calce. Il 7 febbraio 2018, alla Camera dei Deputati, è stato presentato un documento molto importante: la relazione finale della Commissione parlamentare d’inchiesta sull’utilizzo di amianto e di uranio impoverito nelle operazioni della Difesa.

Il rapporto finale sarebbe ricco di dettagli alquanto sconvolgenti: sarebbe stata riscontrata infatti una grave mancanza di norme e prassi sulla sicurezza e sulla salute dei militari e del personale civile in zone di guerra. I mezzi militari, ad esempio, risultano pieni di amianto, e ciò avrebbe causato 1.100 morti per patologie correlate a questo materiale solo nella Marina Militare.

antonio-attianese
Il Caporal Maggiore Antonio Attianese

Altrettanto grave il resoconto sull’uranio impoverito a cui sono stati esposti i soldati e il resto del personale: risaltano due specifici casi emersi nel corso dell’inchiesta, i cui atti acquisiti nelle rispettive audizioni sono stati poi trasmessi presso le procure della Repubblica competenti. Il primo caso riguarda il militare Antonio Attianese, vittima di una patologia sorta in seguito della sua permanenza in Afghanistan, che avrebbe denunciato le minacce di alcuni superiori, e l’ostruzionismo riguardo al problema. Il secondo caso viene sollevato dal tenente colonnello medico Ennio Lettieri, che, come direttore dell’infermeria del Comando Kfor, avrebbe diretta testimonianza, durante la sua ultima missione in Kosovo, di una fornitura idrica altamente cancerogena destinata al contingente italiano. Leggi  tutto, clicca QUI


 

Condivisione

Lascia un commento