Probabile rinvio ad ottobre del FESI Delusione tra i militari Il comunicato stampa del SIAM

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Il FESI con molta probabilità verrà corrisposto ad ottobre 2019. Rabbia e delusione tra i militari. In molti infatti confidavano di percepire l’emolumento nel prossimo mese di luglio, mentre invece, con molta probabilità,  dovranno attendere altri 4 mesi.

La polemica

Secondo il SIAM, questo trattamento sembrerebbe riservato ai soli appartenenti delle tre Forze Armate , Aeronautica,  Marina ed Esercito, mentre tutti gli altri militari si ritroveranno l’accredito dell’emolumento addirittura nel prossimo cedolino. Proponiamo di seguito, il  comunicato stampa del SIAM “Sindacato Aeronautica Militare”

FESI – inaccettabile ritardo nel pagamento. Intervenga il Ministro

Abbiamo appreso da fonti accreditate che il pagamento del FESI 2018 rischia di slittare ad OTTOBRE 2019.



Come Sindacato Aeronautica Militare – SIAM, riteniamo del tutto inaccettabile questo clamoroso ed inspiegabile ritardo. Soprattutto se paragonato al FESI delle Forze di Polizia, che lo percepirà in questo mese di giugno.

Questo strumento economico è un importante supporto per le famiglie dei nostri colleghi. Pagarlo in autunno significa mettere in difficoltà soprattutto coloro con le più basse retribuzioni in vista delle ferie estive.

Inoltre, non possiamo fare a meno di notare la rassegnata tranquillità del Cocer che per legge è, per ora, l’unico attore autorizzato a sedersi nei tavoli dove si decide, e che inspiegabilmente tace su questa grave situazione e, a tratti, pare anche che la giustifichi. Una oggettiva constatazione questa che evidenzia il fatto che non serve reclamare con solo parole di essere gli “unici” e veri rappresentanti del personale ma che, di contro, servono azioni e prese di posizione nette e coraggiose contro un amministrazione in ritardo su pagamenti iimportanti per tutto il personale militare.

Chiediamo che l’amministrazione Difesa metta in atto urgenti azioni al fine di mettere in pagamento il FESI in tempi decisamente più brevi, se non altro perché trattandosi di misura premiale della produttività, il personale interessato meriti il giusto rispetto.
Attendiamo l’incontro richiesto con il Ministro per affrontare subito tutti i temi che stanno a cuore al personale che rappresentiamo.




Loading…


Loading…


Loading…

Condivisione

Lascia un commento