Tutti gli articoli

Piacenza – Trasformare l’aeroporto militare di San Damiano in un polo fotovoltaico

NSM è anche su TELEGRAM . Per saperne di più,  clicca QUI

Per il futuro dell’ex Aeroporto militare di San Damiano (PC) Legambiente lancia un progetto pubblico-privato per realizzare un grande impianto ad energia verde che sia anche Parco tematico dove educare i cittadini.

L’Agenzia del Demanio ha infatti aperto una consultazione pubblica via internet – aperta fino al 16 aprile – per raccogliere progetti sulla struttura, oggi in fase di dismissione da parte del Ministero della Difesa.

Legambiente ha inoltrato in questi giorni ai Comuni interessati, Regione, Università e diverse ditte attive nel settore un progetto da candidare: un Parco che coniughi le numerose esperienze già realizzate in Germania di recupero di ex aeroporti militari diventati grandissimi parchi fotovoltaici, e le esperienze realizzate in Italia di Parchi didattici tematici relativi alle energie rinnovabili, come ad esempio il parco “La Fenice” di Padova.

Le aree a disposizione – un centinaio di ettari già compromessi – permetterebbero agevolmente l’installazione di decine di megawatt di potenza pulita che, secondo l’associazione, garantirebbero agevolmente l’energia necessaria per non meno di 12.000 famiglie, con equivalente riduzione della CO2.
Ma San Damiano, con gli edifici già presenti nel sedime, è anche il posto ideale per realizzare un “Parco Solare Tematico”, e cioè un Parco in cui, oltre al grande impianto fotovoltaico siano presenti strutture museali, laboratori didattici multimediali al chiuso e all’aperto, laboratori di ricerca, spazi didattici universitari, strutture per la formazione professionale, strutture convegnistiche e tanto altro.

Viceversa per l’associazione appaiono ben poco serie le proposte alternative che oggi stanno circolando, sia dal punto di vista ambientale che economico.

IL PROGETTO LE OPPORTUNITA’ E I BENEFICI

Di ex aeroporti militari riconvertiti a parchi fotovoltaici, la vicina Germania è ricca di esempi: dall’aeroporto di Templin a quello di Rote Jahne, da quello di Perleberg a quello di Briest, da quello di Eggebek (ai confini con la Danimarca!) a quello di Waldpolenz e molti, molti altri; tutti su superfici tra i 100 e i 200 Ha, simili a quella di San Damiano, e con potenze  tra i 40 e i 130 Mw fotovoltaici di picco, in grado di produrre annualmente, alle latitudini tedesche, da 40 a 120 Gwh di energia elettrica e di far risparmiare da 20.000 a 60.000 tonnellate di CO2 ogni anno. Leggi tutto, clicca QUI

Lascia un commento