Pensioni militari, cambia il termine per la liquidazione: quanto bisogna aspettare

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Pensioni militari: quanto bisogna aspettare per il Tfs (prima rata e successive)

Anche per le pensioni dei militari arrivano novità negative. Se polizia, carabinieri, vigili del fuoco e lavoratori del comparto sicurezza e soccorso pubblico in genere, sono usciti indenni dalla riforma Fornero, questo non ha impedito lo slittamento dei termini per la buonuscita. Facciamo due conti.

Pensioni militari: vietate le promozioni a fine carriera

Buonuscita militari: termine per il TFS dopo la pensione

Tra i militari chi va in pensione entro la fine del 2015, dovrà attendere mediamente 12 mesi e 90 giorni prima di ottenere la prima rata del TFS. Ricordiamo che i requisiti per la pensione di vecchiaia dei militari sono di 57 anni e tre mesi con 35 anni di contributi (o 40 anni e 3 mesi di versamenti a prescindere dall’età anagrafica).

Se si tiene conto che, solo nel 2011, ne bastavano 105, è evidente come i termini siano diventati più rigidi per la pensione dei militari. Non solo: se i lavoratori non hanno ancora raggiunto i requisiti minimi previsti, quindi in caso di dimissioni volontarie, l’attesa per il TFS sale a 24 mesi. Il limite dei 105 giorni resta solo nell’ipotesi di cessazione dal servizio per sopravvenuta inabilità o per decesso.

Tfs a rate: slittamento per le pensioni dei militari

Lo slittamento temporale riguarda inoltre anche le successive rate del Tfs. Chi ha maturato i requisiti per la pensione di vecchiaia nel 2014 dovrà attendere 12 mesi dopo la prima rata per la liquidazione degli importi compresi tra i 50 e i 100 mila euro e poi un altro anno per l’eventuale differenza eccedente la soglia dei 100 mila euro.

fonte:

http://www.investireoggi.it/fisco/pensioni-militari-cambia-il-termine-per-la-liquidazione-quanto-bisogna-aspettare/?refresh_ce

Condivisione

Lascia un commento