Morte Caporale Tony Drago : archiviazione respinta!Controlli in caserma?

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Nell’articolo dello scorso 7 aprile, avevamo pubblicato un riassunto della paradossale vicenda che costò la vita al giovane militare.Il 6 luglio  2014 il corpo del caporale Tony Drago fu trovato senza vita nel cortile della caserma Sabatini dell’8° reggimento Lancieri di Montebello. A detta dell’avvocato della mamma di Tony , Alessio Cugini , ne seguirono indagini frettolose che portarono gli inqurenti a una decisione unanime :”quella del suicidio “.

Molte secondo l’avvocato le incongruenze tra quanto riferito dal consulente del  pm e quanto riferito dai consulenti della difesa . La tematica è stata poi affrontata dal programma televisivo “CHI L’HA VISTO?” nella quale emersero novità importanti con  foto e testimonianze cruciali che svelarono dei retroscena “inquietanti”.A detta di un testimone infatti, Tony  era stato picchiato e voleva vendicarsi.Quel volo di 10 metri, da una finestra molto bassa, ma con una sedia per simulare uno scavalcamento,  il ritrovamento del corpo, la telefonata alla mamma che non ha mai creduto a questa versione dei fatti e in ultimo, il tentativo di  alcuni amici che avevano costituito un’ associazione per evitare l’archiviazione del caso ( clicca QUI).

Nell’udienza tenutasi agli inizi di questa settimana,  Il gip Angela Gerardi ha respinto la richiesta di archiviazione  avanzata dalla Procura di Roma dando ragione, almeno per ora, alla famiglia del ragazzo.

Sulla schiena del militare infatti, c’erano dei segni descritti come «ampia lesione escoriata estesa a tutta la superficie cutanea di forma irregolare e delle dimensioni di cm 45 x 10», non compatibili con la caduta. Sul collo,altresì, ulteriori graffi, ma non vennero presi in considerazione.

  • Se la storia è di tuo interesse, clicca QUI per leggere l’articolo cOmpleto di NSM dello scorso 7 aprile, se invece vuoi vedere il video della trasmissione televisiva “CHI L’HA VISTO”  clicca QUI e vai a 1h e 10′ della trasmissione.

 

 

Condivisione

Lascia un commento