Militare morì per leucemia acuta Il Papà non si rassegna e protesta davanti al tribunale

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Web Hosting

Il papà del  ragazzo non si da per vinto e dopo 24 anni lotta ancora per far riaprire il caso

PESARO – Una vita spezzata troppo presto quella di Lorenzo Miccoli, militare morto a 20 anni nell’ospedale di Pesaro il 2 marzo del 1995. Gli fu riscontrata una leucemia acuta nel reparto di Ematologia  alla cui direzione c’era il prof. Guido Lucarelli.

Il referto dei medici all’epoca riferì di uno spappolamento del fegato con transaminasi arrivate a 25mila quando il valore medio è di 40.  Da quella morte improvvisa sono trascorsi 24 anni, segnati da 6 archiviazioni dell’indagine, l’ultima 6 anni fa, ma Francesco, il papà di Lorenzo, non si arrende e vuole far riaprire il caso.


Vuole presentare una nuova istanza affinché venga riesumata la salma e si accerti che quel  figlio è morto  a causa di  una dose massiccia di medicinali . Francesco ha iniziato la sua protesta silenziosa davanti al tribunale di Pesaro .Il  64enne si fa aiutare da un giovane senegalese per la  distribuzione di volantini.

Francesco Miccoli accusa i vertici ospedalieri di quel tempo e chiede che  venga accertata la negligenza e l’ imperizia dello staff medico che ebbe in cura il  figlio. “Non mi arrenderò mai”, ha ribadito Miccoli, pronto anche a intraprendere una causa civile.


Loading…

loading…


Condivisione

Lascia un commento