Militare condannato a pagare oltre 22mila euro dalla Corte dei Conti viene assolto in appello

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting





La Corte dei Conti  Toscana, lo  scorso febbraio 2018 , con la sentenza nr.29, aveva condannato un Appuntato Scelto della guardia di Finanza a restituire oltre 22.000 euro, più gli interessi, all’erario.

Processato per l’ accertamento di danni erariali, quale conseguenza della violazione degli obblighi di servizio da parte degli agenti pubblici, il militare era stato quindi condannato per la gestione occulta di una discoteca sita in via via Traversa del Beccarello,  a Prato.

Sorprendentemente, la scorsa settimana, la prima sezione giurisdizionale di Appello ha assolto il finanziere da ogni addebito, ribaltando di fatto la sentenza della Corte dei Conti. Continua ↓



L’ appuntato scelto della guardia di Finanza ,  secondo gli inquirenti, nel settembre del 2013 aveva aperto insieme ad altre persone la discoteca “J’Adore” , un locale che chiuse i battenti nel giro di soli tre mesi a causa di una contestazione del comune di Prato. Secondo il comune, i  gestori avrebbero esercitato l’attività senza la preventiva  autorizzazione , avvalendosi di quella della precedente gestione, che non aveva alcun valore. Continua ↓


La vicenda fa seguito all’ assoluzione di un altro finanziere,  avvenuta solo lo scorso ottobre 2018.Il militare , un Brigadiere della Guardia di Finanza, è riuscito ad ottenere giustizia dopo 10 anni. Anche in questo caso,  condannato in primo grado per peculato militare a un anno e 8 mesi di reclusione e sospeso dal corpo militare per tre anni,viene assolto dalla Corte d’Appello di Palermo dopo quasi 10 anni di battaglie legali.

loading…


Condivisione

Lascia un commento