«Mario tradito da un lavoro che amava e in cui credeva»

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

La salma del militare ucciso da una leucemia viene composta nella sua casa, indosso la divisa dei parà. Prima di morire aveva espresso il desiderio di ottenere verità e giustizia sull’uranio impoverito

di Sabrina Chiellini

Di missioni all’estero il maresciallo della Folgore Mario Mele ne aveva fatte tante. Credeva in quello che faceva, ricordano i familiari e gli amici. «Era sicuro che il suo lavoro avrebbe aiutato popoli dilaniati dalle sofferenze». Quello che invece il paracadutista della Folgore non poteva immaginare è che avrebbe pagato un caro prezzo, quello della sua vita, per avere partecipato alle missioni di pace in Kosovo, Afghanistan, Albania, Somalia e Iraq.

Continua a leggere a questo LINK

Condivisione

Lascia un commento