Tutti gli articoli

Marina militare, maresciallo: “Acqua contaminata? Lotto da solo contro il cancro”

Sotto i riflettori c’è ancora la qualità dell’acqua a bordo delle navi della Marina militare. Diversi marinai imbarcati, anche per lunghi periodi, hanno denunciato anomalie e criticità a bordo della nave Magnaghi, dove per tutto il 2016 e il 2017 l’acqua utilizzata per cucinare e lavarsi, com’è emerso dalle analisi effettuate dalla Marina stessa, risultava “non conforme all’uso umano”. Nelle scorse settimane anche i carabinieri del Nas hanno fatto accertamenti e prelievi per verificare se l’acqua fosse contaminata da legionella.

Un batterio che si sviluppa dove c’è acqua stagnate e che può contagiare l’uomo, risultando, nei casi più gravi, cancerogeno o provocando perfino la morte. Sulla vicenda, di cui hanno parlato anche ‘Le Iene’, il 6 aprile scorso è tornato anche l’ammiraglio Donato Marzano, comandante in capo della squadra navale della Marina militare. “L’acqua utilizzata a oggi su nave Magnaghi adesso è conforme” ai parametri previsti dalle legge e “tutte le volte che la nave è uscita in mare lo ha fatto dopo controlli certificati e in sicurezza”, ha assicurato.

L’acqua viene prelevata regolarmente e analizzata “da laboratori certificati”, ha aggiunto Marzano che ha mostrato gli esiti, tutti favorevoli, degli accertamenti effettuati negli ultimi mesi. Anche prima era così? A chiederselo è Luca Marco Comellini, segretario del Partito per la Tutela dei Militari, che ha raccolto diversi appelli e denunce, prime tra tutte quelle del maresciallo infermiere Emiliano Boi che nel 2011 si era accorto che l’acqua della fregata Duillio, sulla quale era imbarcato, era contaminata.Leggi tutto, clicca QUI

Lascia un commento