MARINA MILITARE, ANALISI SULL’ACQUA PER CONSUMO UMANO: IL DIPARTIMENTO MILITARE DI MEDICINA LEGALE LA SPEZIA ROMPE IL SILENZIO

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting
Comellini (PDM): “A bordo delle navi della Marina Militare il personale è costantemente esposto a gravi rischi per la salute”.

Red. Interni
Il 5 settembre 2012, a seguito della segnalazione sulla presenza di sostanze contaminanti e cancerogene disciolte nell’acqua destinata al consumo umano (trialometani e idrocarburi) su una unità navale della Marina militare, il deputato radicale Maurizio Turco, cofondatore del Partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia (Pdm), depositò una interrogazione al Ministro della difesa ed al Ministro della salute (5/07724) per conoscere lo stato di efficienza degli impianti di potabilizzazione e sulla tipologia e frequenza dei controlli delle acque di bordo, impiegate sia per uso lavanda che per scopi alimentari militari, nonché per valutare la necessità di promuovere una azione di informazione, in tutela del personale militare, sui rischi derivanti da contaminanti disciolti nelle acque da destinare al consumo umano e sui rischi di carcinogenesi ad essi attribuibili alla luce delle evidenze scientifiche nazionali ed internazionali.

Sin da subito il riscontro di sostanze cancerogene avrebbe dovuto destare l’interesse del personale militare, di ogni ordine e grado, al fine di verificare, anche attraverso i propri rappresentanti, la corretta applicazione delle norme vigenti nello specifico settore (d. lgs. n. 31 del 2001), nonché quelle in materia di tutela della salute e salubrità degli ambienti di lavoro (d.lgs. n. 81 del 2008).

All’interrogazione parlamentare sull’acqua data a bere ai marinai seguì l’immediata risposta dell’allora Ministrro della difesa, Ammiraglio Giampaolo Di Paola, che per voce del suo sottosegretario, Filippo Milone, rispose, pur ammettendo il riscontro casuale delle sostanze cancerogene nell’acqua di bordo, che «sulle unità navali della Marina militare sono effettuati controlli dell’acqua periodici – di massima, con cadenza semestrale – presso i laboratori militari certificati».
In riferimento all’accaduto, il Ministero della salute non ritenne necessario realizzare ulteriori specifiche d’informazione e comunicazione sui rischi derivanti da contaminanti disciolti nelle acque.

A distanza di più di tre anni, però, a smentire clamorosamente la Difesa in merito alla rassicurante disponibilità di idonei laboratori militari certificati preposti ai controlli periodici sulle acque ai sensi della normativa vigente, è lo stesso Dipartimento Militare di Medicina Legale di La Spezia, presso il quale è presente il laboratorio analisi militare di riferimento per le unità navali e per gli enti della Marina militare sotto la sua giurisdizione. Con messaggio telegrafico in data 23 gennaio 2016 il Dipartimento Militare di Medicina Legale La Spezia ha finalmente deciso di rompere il silenzio sull’annosa questione, comunicando al comando Nave Virginio Fasan (F 591) – la seconda delle fregate classe FREMM (Fregate Europee Multi Missione) – che “il laboratorio analisi militare – quello per il quale il Ministro della Difesa aveva dato precise rassicurazioni – non possiede le attrezzature per effettuare le analisi chimico-fisiche sulle acque di bordo”. “Non è la prima volta, ne sarà l’ultima che, nel silenzio dei vertici militari e quello ancora peggiore delle Rappresentanze del personale militare (Cocer), ci  vediamo costretti ad intervenire per portare all’attenzione dell’opinione pubblica e degli stessi interessati e delle autorità giudiziarie le gravi e inaccettabili carenze che minano la salute e la sicurezza dei lavoratori con le stellette ” – Lo dichiara Luca Marco Comellini, Segretario del Partito per la tutela dei diritti di militari e Forze di polizia (Pdm)  “Ritengo – prosegue Comellini – che l’indisponibilità di idonee attrezzature di laboratorio per le analisi delle acque nella sede di La Spezia e, presumibilmente anche nelle altre sedi della forza armata, sia l’ennesima conferma della situazione di pericolo a cui, nel corso di questi anni, sono stati, e sono, costantemente esposti i marinai imbarcati sulle unità navali della Marina militare. Per questo motivo – chiosa Comellini – è necessario che il Ministro della difesa Roberta Pinotti, nonché il Ministro della Salute Beatrice Lorenzìn, riferiscano urgentemente al Parlamento sugli immediati provvedimenti che intenderanno adottare per garantire la massima tutela della salute del personale che opera a bordo delle unità navali della Marina militare. È altresì indispensabile – precisa il Segretario del Pdm – che le competenti autorità giudiziarie dispongano l’avvio delle necessarie indagini per accertare l’eventuale esistenza di violazioni delle norme in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e le eventuali responsabilità del datore di lavoro e, nel contempo, provvedano ad adottare ogni possibile provvedimento per prevenire ulteriori rischi per la salute del personale operante a bordo delle unità navali della Marina militare, anche disponendo, ove ciò si renda necessario, il sequestro preventivo delle stesse unità navali. Occorre inoltre – conclude Comellini – che il Ministro della salute attui, con la massima urgenza consentita, una supervisione dei risultati dei controlli di laboratorio disposti sulle acque di bordo, per una tempestiva analisi dei rischi per la salute del personale militare imbarcato e le conseguenti azioni di prevenzione”.

FONTE

Condivisione

Lascia un commento