Maresciallo incursore del Col Moschin venne massacrato, la procura prolunga le indagini

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Livorno, 15 giugno 2016 – A distanza di 21 anni precisi – era il 13 giugno del 1995, il giallo del Romito dove fu massacrato il caposcorta del generaleBruno Loi in Somalia, maresciallo Marco Mandolini, incursore del Col Moschin, militare preparato professionalmente e che metteva nel proprio lavoro passione e dedizione –

la vicenda ha un nuovo risvolto. Un risvolto tecnico, ma comunque importante: la Procura della Repubblica, che sta indagando per la seconda volta per risolvere il mistero della morte violenta del militare, ha deciso di prorogare le indagini.

Leggi l’articolo completo QUI

Condivisione

Lascia un commento