Tutti gli articoli

Maresciallo dell’Aeronautica muore di leucemia – Si allunga la lista delle morti da uranio




Le notifiche di NSM direttamente sul tuo smartphone? Per saperne di più,  clicca QUI

Terzo lutto per l’Aeronautica Militare italiana in appena quattro giorni. Soltanto lo scorso  lunedì due decessi improvvisi che hanno destato incredulità negli  ambienti militari, lasciando un vuoto incolmabile tra i familiari.Entrambi avvenuti a causa di un infarto.

Nella mattina del 7 agosto  ,  un malore ha tolto la vita al Maresciallo 46enne Giampiero Chiapello,  proprio mentre svolgeva servizio di volontariato su un’ ambulanza del 118   . Lo stesso giorno,attorno alle ore 19:00,  il Colonnello Pilota Andrea Cosmacini , crollava  a terra in seguito ad un malore durante una corsa di atletica organizzata nel suo paese d’origine.  

Per entrambi tutti i soccorsi sono stati inutili.Durante la cerimonia funebre , il  Generale Girolamo Iadicicco, Comandante della 46esima Brigata Aerea ,  ha  voluto ricordare il Colonnello Cosmacini cosi:  era un pilota amato e stimato, un grande lavoratore. Insomma, un professionista eccellente. Aveva inoltre delle meravigliose doti umane, unite ad una profonda umiltà. È sempre stato un marito e un padre amorevole. Fondamentale il suo contributo in numerosissime missioni, anche umanitarie»

Ieri , purtroppo, a causa di una gravissima forma di leucemia, ci ha lasciato il Maresciallo di 1^ Classe Stefano de Gasperi . La notizia è stata diffusa da nuovavenezia.it. Era stato congedato un anno e mezzo fa  in seguito alla grave patologia che lo aveva colpito dopo il rientro da una missione in Afghanistan, nel 2014. Era stato ritenuto non idoneo al servizio militare incondizionato. Precedentemente era stato in missione in Kosovo e Albania.↓



Secondo l’amico  Giovanni , pensionato dell’Aeronautica Militare, Stefano de Gasperi sospettava di aver contratto la malattia in Afghanistan  Si era iscritto all’Unsi Euganea (Unione nazionale sottufficiali italiani) che da anni si adopera favorevolmente nei confronti dei militari ammalati per motivi connessi al servizio.

Secondo la moglie, stefano è l’ennesimo militare in Italia che si ammala dopo essere stato in missione» Oltre alla moglie, lascia un figlio di 12 anni.

Fonte foto  fb



 

loading…


Condivisione

Lascia un commento

error: Content is protected !!