Lorenzo morì durante il servizio di leva. Il padre: «Da 22 anni aspetto la verità»

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

«La nostra vita si è fermata il 22 marzo del 1995, ogni notte mi sveglio con la scena degli ultimi istanti di vita di mio figlio che sbatte la testa sul cuscino e chiede aiuto».

Francesco Miccoli, di Fragagnano, è un papà distrutto. Ventidue anni fa la malasorte gli ha strappato il suo primogenito Lorenzo, militare di leva che allora era d’obbligo.

Ad ucciderlo, sostiene la magistratura a cui si è rivolto e dalla quale non ha avuto la giustizia che sperava, è stata una forma virale che gli ha consumato il fegato in 24 giorni.
Per lui, che da 22 anni sopravvive con questa convinzione, il suo Lorenzo è stato vittima di un farmaco iniettato in vena quando era ricoverato nel reparto di ematologia dell’ospedale di Pesaro dove era stato ricoverato per una banale mononucleosi.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento