Limite uso contanti e sanzioni per l’antiriciclaggio

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

NSM è anche su TELEGRAM . Per saperne di più,  clicca QUI

Troppi soldi fanno male. Specie quando passano di mano da un soggetto a un altro. Secondo l’attuale normativa, infatti, chi vuole dare più di 2.999,99 euro a una persona non può utilizzare i contanti ma solo strumenti tracciabili come bonifici bancari, assegni, carta di credito, bancomat.

Fino a questa cifra, quindi, si può usare il cash; da 3mila euro in su invece bisogna utilizzare un intermediario abilitato (come una banca, le poste, l’ente emittente la carta di credito ecc.). Una recente sentenza della Cassazione [1] ci aiuta a capire alcune questioni sull’uso del contante spesso ignorate dai contribuenti. Il rischio per chi non conosce la normativa è una sanzione che può arrivare anche a 50mila euro.

Mica poco se si pensa che, in gran parte dei casi, si tratta di soldi di provenienza lecita, magari prelevati dal conto o custoditi a casa e su cui, peraltro, si sono già pagate le tasse. Qui di seguito risponderemo dunque alle domande più frequenti che l’argomento pone, cercando di capire qual è il limite all’uso dei contanti e le sanzioni per l’antiriciclaggio. Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento