Tutti gli articoli

L’AMMIRAGLIO SALVAVITE: «IO, IL MARE E I NAUFRAGHI»

È “figlio d’arte” l’ammiraglio Giuseppe de Giorgi. L’amore per il mare transitato per le vene di famiglia, da quel Gino de Giorgi che fu comandante della 19ª Squadriglia MAS durante la seconda guerra mondiale e poi Capo di Stato maggiore della Marina dal 1973 al 1977. Oggi è lui a ricoprire quest’incarico, affidatogli nel gennaio 2013 dal Governo Monti. «Avevo deciso di entrare in Marina quando avevo 4 anni», racconta dagli uffici dello splendido palazzo della Marina sul lungotevere delle Navi. «Non ci ho mai ripensato. Mio figlio Gabriele, invece, a 14 anni, mi ha comunicato che, anche se teoricamente gli sarebbe potuto piacere il mare, non voleva confronti con me e con suo nonno, e ha scelto la politica».

DI Annachiara Valle

Parla della moglie Elisabetta, insegnante paziente come lo si deve essere aspettando un uomo impegnato in missione anche per mesi. Del suo cane Grisù,  il meticcio arrivato in casa dal canile a riempire il dolore per la morte di Jack, il labrador color miele fotografato con il suo padrone in una delle pagine del libro Sos uomo in mare, edito da Giunti. Il volume, appena arrivato in libreria, racconta anche pezzi di vita privata di un uomo che ha dedicato la vita a occuparsi degli altri. Con le tante missioni in giro per il mondo, con l’operazione Mare Nostrum prima e Mare sicuro ora, con il coordinamento di operazioni di soccorso, con il salvataggio di miglia e migliaia di vite umane. 

Un libro nato dall’incontro un po’ casuale tra l’ammiraglio e la scrittrice per bambini Daniela Morelli. «Era appena successa la tragedia del Norman Atlantic, e mentre raccontavo di quei giorni complicati a lei sembrava interessante costruirci attorno un libro che avrebbe raccontato ai ragazzi storie che fossero un esempio e, al tempo stesso, un’informazione sul mondo militare marittimo poco conosciuto», racconta l’ammiraglio. Che subito aggiunge: «La seconda cosa che mi ha convinto a fare questo libro è che questa era un’opportunità per finanziare la Andrea Doria, una associazione non profit che ha come missione quella di aiutare gli orfani dei marinai della Marina militare».

Nelle pagine del libro ci sono le storie di tante donne e tanti uomini che hanno cercato una speranza di vita attraversando i nostri mari, gli arresti degli schiavisti, le operazioni di salvataggio.

Leggi il resto dell’articolo QUI

famcristionline_20160310093421405_1700961

Condivisione

Lascia un commento