L’accusa: Multa annullata in cambio di un cane Carabiniere si barrica sul campanile del Duomo

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Un Carabiniere finisce sotto inchiesta con l’accusa di concussione. Per gli inquirenti avrebbe annullato una multa in cambio di un cane. L’Arma lo sospende dal servizio in via precauzionale, ma trascorrono due anni e il militare non ci sta . Ieri si è barricato sul Duomo di Messina.

Da quanto riporta Messina Oggi”,, Il carabiniere 51enne Salvatore Scardigno, era stato sospeso dal servizio dopo essere rimasto coinvolto in una inchiesta giudiziaria in Calabria. L’uomo era stato accusato di aver annullato una multa ad un allevatore e quest’ultimo in cambio gli aveva regalato un cane.



Nella mattinata di ieri, il militare si è barricato sul campanile del Duomo di Messina, esponendo uno striscione con il quale ha chiesto la verità per la vicenda che ha determinato il suo allontanamento dall’Arma dei carabinieri.

Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco, i poliziotti ed i Carabinieri. Ci  sono volute due ore di trattative per convincerlo a scendere e a cessare la protesta. Appena è sceso dal campanile del Duomo ha chiesto un incontro con il Ministro di Grazia e Giustizia, in seguito  è stato accompagnato alla Caserma di Calipari dove ha presentato un esposto. Scardigno ha sempre sostenuto di essere rimasto vittima di un raggiro .







 

 

Condivisione

Lascia un commento