Tutti gli articoli

La vita in fuga del super poliziotto «I sicari albanesi mi vogliono morto»

Da poche ore il latitante più ricercato dal governo albanese, primo nome in una lista di connazionali fuggiaschi e implicati nel narcotraffico, è un famoso poliziotto albanese, con una coraggiosa carriera nell’antidroga e apprezzato dalle nostre forze dell’ordine grazie a una lunga collaborazione in inchieste e operazioni.
Dopo il mandato di cattura internazionale Dritan Zagani, 43 anni, sposato e padre di tre figlie, è ufficialmente inseguito dagli agenti d’ogni nazione. Il Corriere l’ha incontrato. È in Svizzera, dove ad agosto è scappato evadendo dagli arresti domiciliari; vive in una località segreta, ha fatto richiesta di asilo politico ed è deciso a «combattere fino in fondo la battaglia».

L’implicazione nella droga di persone vicina al governo

Nel 2014, quando con la Guardia di Finanza, inseguendo le tracce degli stupefacenti dall’Albania alla Lombardia, Zagani è arrivato a ipotizzare l’implicazione di persone considerate addirittura vicine al suo governo («Posso dimostrarlo»), tutto sarebbe precipitato. L’hanno «ingiustamente» arrestato con l’accusa di abuso d’ufficio per «aver girato informazioni investigative» agli italiani, cosa che peraltro «ho sempre fatto nell’ambito di obiettivi comuni senza che nessuno si fosse mai lamentato». Sei mesi di carcere duro a Tirana e nove mesi di domiciliari. «Sono scappato perché volevamo farmi fuori. Ho scelto la Svizzera e non l’Italia: da voi la mafia albanese è potente e trova chiunque. Era successo qualche anno fa, avevano eliminato un ex agente con un passato fastidioso per i boss. Consegnava i giornali, era diventato un fantasma e l’hanno trovato lo stesso. Ora, qualche collega fedele, qualche buon informatore mi è rimasto: e so che anche in Svizzera dei sicari mi stanno cercando».

leggi tutto su :

http://www.corriere.it/esteri/15_ottobre_25/vita-fuga-super-poliziotto-sicari-albanesi-mi-vogliono-morto-82a28a24-7ae3-11e5-901f-d0ce9a6b55d1.shtml

Condivisione

Lascia un commento