Tutti gli articoli

La Marina Militare pronta al rinnovamento con sette navi





la Marina Militare italiana starebbe valutando la possibilità di cambiare il progetto di alcune delle sue navi multifunzionali PPA pianificate per renderle più piccole e, possibilmente, fornire loro una capacità anti-sottomarino.

Da quanto riporta Defense News,  la Marina Militare italiana avrebbe già ordinato sette navi , con un costo  complessivo di  5,4 miliardi di euro (6,3 miliardi di dollari circa) per sostituire una gamma di navi che devono necessariamente essere messe a riposo a causa “dell’ età avanzata”. Tre di  queste navi sarebbero già in costruzione presso Fincantieri, mentre la costruzione della quarta dovrebbe iniziare a breve.Inoltre il contratto prevederebbe una possibile rimodulazione del progetto delle ultime tre , in prospettiva di un probabile cambio di impiego operativo dettato dallo scenario politico-militare del futuro.

I piani per la costruzione delle navi furono diretti dall’ allora Capo di Stato Maggiore della Marina,  Ammiraglio Giuseppe de Giorgi, che riuscì a portare una quantità considerevole dei lavori di progettazione in casa nostra.

Malgrado queste navi non raggiungano  le dimensioni della FREMM  sfioreranno comunque le 6000 tonnellate e saranno più grandi delle navi che andranno a sostituire, vicine alle 2000 tonnellate . Continua ↓



Le navi PPA supererebbero di poco la lunghezza delle FREMM. Con i  circa 146 metri di lunghezza e 16,5 metri di larghezza però, potrebbero avere delle difficoltà durante l’attracco in alcuni porti della Sicilia.Il nuovo capo della Marina, Ammiraglio Valter Girardelli, avrebbe quindi in programma dei piani per trasformare le ultimi tre PPA in navi da pattugliamento da 3.000 tonnellate.




loading…


Condivisione

Lascia un commento