Tutti gli articoli

Jet russo abbattuto: Turchia viola regole Nato – l’intervista al Generale Tricarico

Il generale Tricarico ha spiegato che per giustificare un abbattimento non basta uno sconfinamento, di cui “la Turchia deve fornire prove con i tracciati radar”. –

ROMA – L‘abbattimento del jet russo Sukhoi Su-24 da parte di Ankara non è giustificabile in base alle direttive Nato, è un “atto sproporzionato”: a spiegare perché è il generale Leonardo Tricarico, già consigliere militare di Palazzo Chigi e Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare. La Turchia ha violato un preciso protocollo, una serie di regole grazie alle quali persino ai tempi della Guerra Fredda gli abbattimenti di aerei sono stati rarissimi, anche in caso di sconfinamento. Intervistato da Anna Mazzone a Radio3 Mondo martedì 24 novembre, poche ore dopo l’abbattimento del jet russo, il generale Tricarico ha spiegato che per giustificare un abbattimento non basta uno sconfinamento, di cui “la Turchia deve fornire prove con i tracciati radar”. Anche se davvero il jet si fosse trovato nello spazio aereo turco e non in quello siriano, come sostiene Mosca, anche se davvero avesse ignorato i dieci avvertimenti in cinque minuti lanciati dalla Turchia, l’abbattimento è “un atto sproporzionato e contrario alla filosofia della Nato, che prevede l’abbattimento di un velivolo solo in caso di 1) atto manifestamente ostile o 2) di autodifesa”, ha spiegato Tricarico a Radio3. Secondo le direttive dell’Alleanza atlantica, ha spiegato il generale, un velivolo può essere abbattuto solo se “1) punta su un obiettivo (senza nessuna possibilità di interpretare diversamente questo atto), 2) apre il portellone delle bombe, 3) sta volando a una certa quota, 4) ha i parametri, la velocità giusta per poter sganciare una bomba”. Insomma, non proprio quello che stava facendo il jet russo.  – Continua a leggere

http://www.blitzquotidiano.it/politica-mondiale/jet-russo-abbattuto-generale-tricarico-ingiustificabile-2328410/

Condivisione

Lascia un commento