Il Riordino del caos, senza gradi e con aumenti sperequativi – Non era mai accaduto – Le cifre al netto

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter. Per saperne di più clicca QUI

Non era mai accaduto che a distanza di sette mesi da un riordino delle carriere non venissero ancora rese note le nuove tipologie di grado, o meglio, qualifica,  che il personale avrebbe dovuto indossare . Cosa si stia aspettando resta un mistero, cosi come resta un mistero la promozione farlocca dei Marescialli Capo/Marescialli di Prima Classe, della quale abbiamo parlato in questo articolo.

Abbiamo le cifre nette degli arretrati del contratto, approssimate ad una differenza di pochi euro, su quelli che dovrebbero essere gli arretrati nel cedolino di fine marzo. Prendiamo ad esempio i gradi dell’Esercito, ma l’utente può facilmente desumere quale sia l’importo degli arretrati rispetto al proprio grado, sia esso apartenente alle FFaa , sia esso appartenente alle FFoo.

Si spazia da un cumulo di arretrati netti pari a  400 € per un Capitano, ai  385€ per un Sottotenente. Dai 390€ di un 1° Luogotenente ai 365€ di un Maresciallo. Dai 370€ di un Serg. Magg. Capo qualifica Speciale, ai 350€ per un Sergente . Dai 350€ per un  Caporalmaggiore Capo Scelto Qualifica Speciale, ai  325€ di un Primo Caporal Maggiore. Cifre che non soddisfano Rappresentanze e Sindacati, specie se si considera che questo rinnovo contrattuale arriva dopo nove anni,  ma che comunque per molti uomini in divisa equivalgono ad una boccata d’ossigeno.

Gli uomini dei Comparti sicurezza e difesa rimangono silenti, in attesa che arrivi finalmente un chiarimento, una Circolare , un qualsiasi documento, o magari proprio la nuova qualifica,  per molti ormai irraggiungibile, per via dell’età avanzata ,  mentre per  pochi altri  rappresenterà il culmine incompleto della propria carriera,  non potendo più fregiarsene, essendo stati posti in quiescenza nel trascorrere di questi sette mesi.

 

Condivisione

Lascia un commento