Il Regno Unito sviluppa Tempest , il caccia di nuova generazione. Sostituirà l ‘Eurofighter

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting





Il 16 luglio, il Segretario alla Difesa del Regno Unito, Gavin Williamson, ha annunciato lo sviluppo di un nuovo aereo da combattimento progettato dal team  Tempest. E’ stata altresì annunciata la pubblicazione di una nuova strategia Combat Air al Farnborough International Airshow 2018 (FIA 18). Williamson vuole rafforzare il ruolo del Regno Unito a livello globale, confermandolo leader nel settore aereo. Continua ↓



La Strategia è per ora basata su di un modello del Tempest, un aereo da combattimento di nuova concezione.Il Team Tempest è un consorzio che comprendente BAE Systems, Rolls-Royce, Leonardo e MBDA, in collaborazione con il Ministero della Difesa britannico. Williamson ha inoltre dichiarato che da oltre un secolo l’Inghilterra è leader mondiale nella concezione e costruzione di aerei da combattimento , con un’invidiabile gamma di abilità e tecnologia, e questa strategia chiarisce la determinazione del Regno  Unito a rimanere il migliore al mondo.

Il Regno Unito prevede di investire 2 miliardi di sterline in Combat Air Strategy e Tempest. “Le prime decisioni saranno confermate entro la fine del 2020, mentre le decisioni finali saranno prese entro il 2025. L’obiettivo che si prefissa il ministero della Difesa britannico è di sviluppare una piattaforma di prossima generazione con elevate capacità operative entro il 2035”.

Le notifiche direttamente sul tuo smartphone? Per saperne di più,  clicca QUI

 Considerando il tempo richiesto per sviluppare velivoli di 4a e 5a generazione (e in particolare il controverso F-35), una capacità operativa (iniziale) in “solo” 17 anni da oggi sembra una tempistica piuttosto ragionevole. Sicuramente la Tempest intende sostituire l’Eurofighter Typhoon alla fine del 2030 o all’inizio del 2040. Il piano attuale non include  possibili ritardi indotti dalle trattative e dall’associato di altri partner europei: non è chiaro cosa facciano Francia e Germania con i propri velivoli di 6a generazione annunciati lo scorso aprile a ILA18, ma in Italia (che già supporta i nuovi UK aereo per mezzo di Leonardo, che sarà responsabile per avionica ed EW suite), tra gli altri, è un candidato naturale per aderire al progetto e investire denaro e abilità nell Tempest piuttosto che nel “système de combat aérien du futur”, o SCAF, che sembra essere una joint venture più “chiusa” al momento.




La forma del  Tempest ha una certa somiglianza con gli attuali caccia stealth, in particolare l’F-22 americano (la sezione anteriore) e l’F-35. La presenza degli stabilizzatori verticali inclinati indicano “una preferenza per l’agilità da combattente poiché favoriscono la stabilità orizzontale durante le manovre, specialmente nei regimi di volo estremi.
In generale, la forma del Tempest ricorda chiaramente la BAe Replica, un modello di velivolo stealth britannico sviluppato da BAe negli anni ’90 e utilizzato per i test radar per il FOAS (Future Offensive Air System) uno studio volto a trovare un sostituto per il Tornado GR4 RAF. Dopo che il programma è stato demolito nel 2005, è stato sostituito dal programma DPOC (Deep and Persistent Offensive Capability), anch’esso cancellato nel 2010, in seguito all’esame delle spese militari del Regno Unito. Il Taranis UCAV (Unmanned Combat Air Vehicle) un sistema semi-autonomo pilotless in grado di trasportare un’ampia varietà di armi, tra cui PGM (Precision Guided Guided Munitions) e missili aria-aria, è emerso come l’eventuale successore del FOAS.

Un modello in scala reale della BAe Replica divenne in qualche modo famoso quando fu visto essere spostato per essere installato, invertito, su un palo 
loading…


Condivisione

Lascia un commento