Il generale dell’ Aeronautica Silvio Cau eletto nel Consiglio Esecutivo del WMO ( Organizzazione meteorologica mondiale )

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

GINEVRA, 14 GIUGNO – Il generale italiano Silvio Cau, capo del servizio meteorologico dell’Aeronautica militare, è stato eletto nel Consiglio esecutivo dell’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO) nel corso del 18° Congresso meteorologico mondiale a Ginevra.

Nato a Pisa nel 1959, il generale Cau ha avuto una lunga carriera nell’Aeronautica militare italiana. Ha prestato servizio nel Centro Meteorologico Regionale di Milano Linate, la 5a Allied Tactical Air Force di Vicenza, l’Ispettorato per le Telecomunicazioni e l’Assistenza al Volo nell’Ufficio Piani e Programmi, e nel 1999 è stato membro dell’Ufficio Attività Operazionali.


Dal 2001 al 2007 ha ricoperto varie posizioni importanti al quartier generale operativo tra cui rappresentante del nel comitato dei programmi di difesa spaziale. Dal 2007 al 2015 ha ricoperto posizioni dirigenziali nei sistemi satellitari di telecomunicazione e nel telerilevamento satellitare.

Il World Meteorological Congress è massimo organo di governo della WMO. Il Consiglio esecutivo attua le sue decisioni, mentre sei associazioni regionali sono responsabili del coordinamento delle attività meteorologiche, idrologiche e correlate all’interno delle rispettive regioni.



Si riunisce normalmentealmeno una volta all’anno, in un luogo e in una data che sarà determinata dal Presidente dell’Organizzazione, previa consultazione con gli altri membri del Consiglio. Le decisioni sono approvate con una maggioranza dei due terzi. Comprende un presidente, tre vicepresidenti, i sei presidenti delle associazioni regionali e 27 direttori dei servizi meteorologici o idrometeorologici nazionali eletti dal Congresso. Ogni membro ha un solo voto. (@OnuItalia)

ANNUNCIO SPONSORIZZATO

SIAM

Sindacato Aeronautica Militare

Iscriviti ora! Clicca QUI




Loading…


Loading…


Loading…

 

Condivisione

Lascia un commento