Tutti gli articoli

Il Colonnello e i buoni pasto, un affare da 610mila 949 euro

Peculato e corruzione. Chiesto il processo per il colonnello della Guardia di finanza, Saverio Lamonaca, ex comandante del III Gruppo del comando provinciale di Roma ed ex comandante della Legione Allievi della Finanza di Bari. Con lui rischiano il processo i finanzieri Giancarlo Urciuoli, Giuseppe Turturro, Giancarlo Varvo e l’imprenditore Giuseppe Serra.

E’ quanto appena pubblicato da  “Il Tempo” in un articolo che svela i restroscena di un’indagine condotta dal sostituto procuratore Giuseppe Deodato, che avrebbe dimostrato un presunto malaffare ben architettato da Lamonaca. In particolare, tra il 2003 e il 2010 si sarebbe appropriato di 174mila 557 buoni pasto dell’Istituto poligrafico Zecca dello Stato per un valore complessivo di 610mila 949 euro.

Ma non è tutto. Il colonnello Lamonaca, infatti, si sarebbe appropriato illecitamente di strumenti informatici, come computer Apple, Sony, tablet, ma anche telefoni cellulari. Tutta merce che risulta essere di proprietà del Ministero.

Leggi l’articolo completo QUI

Condivisione

Lascia un commento