Il 6° alpini si addestra al combattimento nei centri abitati

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Addestramento nel sito di San Giorgio di Brunico per il progetto del simulatore Sistemi Integrati per l’Addestramento Terrestre

Si è svolta dal 16 al 19 novembre l’esercitazione denominata «Aquila 2015», nell’ambito del TRIAL 3b, al fine di testare l’efficacia del simulatore «Sistemi Integrati per l’Addestramento Terrestre» (SIAT) nel futuro centro di addestramento tattico di II livello di San Giorgio di Brunico già utilizzato per a preparazione dei reparti dell’Esercito al combattimento nei centri abitati.
Il programma SIAT, sulla base dell’ambiente e del target addestrativo da conseguire, si articola su tre sistemi: virtual, finalizzato alla condotta dell’addestramento sui sistemi d’arma o sulle armi individuali di reparto in un ambiente artificialmente riprodotto come ad esempio un simulatore di volo; live, fornito ai soldati e ai veicoli che eseguono esercitazioni di addestramento reali nelle aree di esercitazione; constructive, ovvero l’addestramento dello staff all’esercizio della funzione operativa di comando e controllo sulle unità dipendenti.

L’ufficio per la simulazione e tecnologie per l’addestramento dello Stato Maggiore dell’Esercito ha coordinato e seguito l’intera attività che rientra in un insieme di test pianificati nella «Roadmap 2015» per la sperimentazione del sistema in tutti e cinque i centri nazionali.
La specificità dell’area addestrativa di San Giorgio è stata ulteriormente amplificata grazie ai sofisticati sistemi di simulazione live che rivestono l’intero sito coprendo oltre 11 palazzine di diversa tipologia permettendo un addestramento simulato sempre più vicino alla realtà.
L’esercitazione, del tipo a partiti contrapposti, è stata condotta da personale del 6° Reggimento Alpini che ha impiegato sul terreno unità a livello plotone e squadra nelle vesti sia di forze amiche che di forze nemiche.

fonte

http://www.ladigetto.it/permalink/49152.html

Condivisione

Lascia un commento