Tutti gli articoli

Guardia di Finanza in Curia – sequestrati documenti alla Caritas –

Dall’indagine su  Don Carmelo Licciardello si è finiti  ai conti della Caritas e addirittura sui soldi che i parrocchiani elargivano per le adozioni a distanza. È emerso, infatti, che il parroco avesse la gestione, non solo del denaro dell’anziana cerialese – per la quale si ipotizza l’accusa di presunta circonvenzione di incapaci- ma anche il denaro proveniente dai versamenti dei parrocchiani per le adozioni a distanza.

Che qualcosa di poco chiaro ci fosse nella gestione del denaro della Caritas è recentemente emerso anche in relazione all’inchiesta condotta dai Carabinieri relativa alla  truffa delle case a Tenerife nella quale pare fosse confluito anche denaro proveniente proprio dalla Caritas. Le indagini sulla vicenda sono ancora in corso e pertanto vige il massimo riserbo sulla questione, ma probabilmente adesso la magistratura dovrà fare chiarezza non solo sulla gestione del denaro dell’anziana cerialese del quale Don Licciardello aveva la gestione e per il quale durante gli interrogatori lo stesso ha già affermato di aver effettuato acquisti di mobili antichi, tuniche pregiate e auto, ma con il consenso della donna, ma anche sul denaro della Caritas.

continua a leggere:

http://www.savonanews.it/2015/10/27/leggi-notizia/argomenti/cronaca-2/articolo/conti-della-caritas-nel-mirino-della-guardia-di-finanza-dove-finivano-i-soldi-dedicati-alle-adozion.html

Condivisione

Lascia un commento