Grecia, agente romano della polstrada fermato al volante di una Ferrari rubata

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Era stato fermato alla guida di un bolide da duecento mila euro al confine della Grecia con la Turchia. E quando gli era stato chiesto di chi fosse, Sergio M., assistente capo della polizia stradale, aveva risposto con una montagna di frottole: «L’auto non è mia, ma ho con me l’autorizzazione a condurla firmata da un notaio italiano. E’ tutto in regola. Facevo un giro insieme a questo mio amico olandese». Gli agenti di Kipia, però, non gli hanno creduto e accertato che il documento era un falso lo avevano trattenuto in caserma e avvisato le autorità italiane.

LA RETE
L’altro giorno per il poliziotto, che secondo l’accusa avrebbe messo mano sulla Ferrari molto probabilmente per piazzarla nel mercato nero straniero, il gip di Roma ha disposto il rinvio a giudizio per appropriazione indebita. Stessa accusa contestata a una manager di quarant’anni, ammministratrice di un fondo immobiliare in zona Prati.

leggi tutto su :

http://www.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/grecia_agente_romano_polstrada_volante_ferrari_rubata/notizie/1640354.shtml

Condivisione

Lascia un commento