Il giallo del militare suicida “Rubata lettera accuse a ufficiali di Kabul”

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

GAVELLO (ROVIGO) Una lettera spedita, regolarmente recapitata ma scomparsa nel nulla dopo un misterioso furto in casa. È quella inviata dal maggiore Marco Callegaro ai genitori residenti a Gavello, nel Rodigino, da Kabul, dove il militare operava.

Una missiva nella quale si parlava non solo di dissidi con tre ufficiali, ma anche di una truffa commessa sul livello di blindatura di tre veicoli commerciali rispetto alle caratteristiche pattuite nel contratto di noleggio con una ditta afghana.

Si arricchisce di un nuovo giallo la vicenda del militare polesano che nella notte tra il 24 e il 25 luglio 2010 venne trovato morto nel suo ufficio all’aeroporto di Kabul, ucciso da un colpo di pistola. Proprio dal presunto suicidio ha preso il via l’inchiesta della Procura militare di Roma, che vede indagati sei ufficiali per truffa militare aggravata.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento