Generale Mini, Libia?Interessi contrastanti tra Francia e Italia

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Le frizioni tra Italia e Francia sullo scacchiere libico, smentite ieri dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, esistono e sono legate agli “interessi contrastanti” sul piano anche economico, in primis a quelli di Eni, secondo il generale Fabio Mini, intervistato da askanews. Sulla diffidenza e le incomprensioni tra Roma e Parigi oggi l’agenzia France Presse pubblica un ampio servizio, rimettendo sul tavolo anche i raid su Sirte, disconosciuti dalla Francia. Per l’ex capo dalla missione Kfor, i misteriosi bombardamenti di cui nessuno si assume direttamente la paternità sono comunque “più che altro a scopo dimostrativo”: azioni da spendere sul tavolo negoziale del futuro libico e di un possibile intervento militare internazionale.

“Ci sono frizioni tra interessi – ha spiegato il generale Mini – interessi contrastanti perchè la Libia è stata da sempre vista come un campo di gioco dell’Italia. La nostra Eni storicamente non è mai stata una semplice impresa commerciale o estrattiva in Libia, ma molto molto di più, nel bene e nel male.

Leggi tutto:http://www.firstonline.info/a/2016/01/15/libia-frizioni-italia-francia-ci-sono-i-raid-dimos/0078295c-3daf-428f-b392-56dd543ea06c

Condivisione

Lascia un commento