Tutti gli articoli

Galantino (M5S) : troppi 9 milioni di euro per i cappellani E trova un alleato nella chiesa

Galantino annuncia una rivisitazione del sistema retributivo dei cappellani militari . Solo quest’anno il nostro paese spenderà 9 milioni di euro per l’assistenza spirituale con le stellette

L’On. Davide Galantino è un militare e politico italiano, nonché il primo graduato nella storia della Repubblica Italiana eletto alla Camera dei Deputati . In una intervista rilasciata a “bisceglie viva” , il Deputato spiega le proprie intenzioni circa il futuro delle retribuzioni dei Cappellani Militari:

«Ho presentato alla Camera dei deputati una risoluzione che coinvolge le commissioni di Affari Costituzionali e difesa ed impegna il governo a una necessaria rivisitazione del sistema»

«L’Ordinario Militare, a capo dei cappellani militari, riceve un compenso di ben 124 mila euro l’anno, il vicario generale 108 mila euro, mentre gli ispettori, col grado di generali di brigata, percepiscono anche 6 mila euro al mese» .

«Tutto questo si scontra con la laicità del nostro Paese e le parole del pontefice in cui ricorda che la Chiesa dev’essere umile e non pavoneggiarsi dei poteri e delle grandezze. È il momento di un nuovo confronto con la Santa Sede».

Questo quanto dichiarato dal pentastellato, deputato parlamentare dei 5 Stelle e membro della IV Commissione Difesa , ad un quotidiano della propria cittadina . Galantino punta quindi deciso ad una revisione del sistema di retribuzione dei  204 sacerdoti cattolici che svolgono il proprio ministero in luoghi militari.

Uno strano alleato

Galantino ha trovato in Padre Alex Zanotelli, fondatore di diversi movimenti italiani di giustizia solidale, un alleato inaspettato. Il sacerdote si è perfino appellato a  papa Francesco: «Un prete con le stellette che guadagna quanto un Generale dell’Esercito è assurdo. Gesù lo caccerebbe».

 

 

Condivisione

Lascia un commento