Finanzieri a processo per concussione e falso ideologico, cambia l’accusa, rischia l’accusatore

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Il 17 giugno 2014, due finanzieri, rispettivamente  il maresciallo Vincenzo Ditta, di 54 anni, e il brigadiere Gaetano Spanò, di 59 anni, Comandante e Vice Comandante della stazione della Guardia di finanza di Pantelleria, furono accusati da un rumeno, Paul Federas, di averlo tamponato con l’auto di servizio e di averlo costretto a pagare i danni.

In seguito alla denuncia, i due finanzieri nel marzo 2015 furono sottoposti alla misura cautelare della sospensione dal servizio. Per questo, dovettero consegnare tesserino e pistola. Fatto di enorme gravità per chi indossa una divisa. A detta del rumeno, I due militari,  anziché chiedere scusa e avviare le pratiche per il risarcimento dei danni provocati al mezzo , lo avrebbero intimidito , minacciandolo che avrebbero effettuato delle ispezioni presso il cantiere edile dove lavorava per multare l’imprenditore che lo aveva assunto.

Oggi il colpo di scena, il rumeno Paul Federas, nel corso della sua deposizione, , pur confermando buona parte del racconto, ha ammesso di aver pagato i danni dell’incidente “per paura” e non perchè fosse stato minacciato dai due militari.

Ovviamente la posizione dei due finanzieri si alleggerisce di molto e il lavoratore rumeno rischia di essere accusato per “calunnia”.

Seguiranno aggiornamenti

Condivisione

Lascia un commento